Luce d’Eramo

Un’opera plurale crocevia dei saperi
Codice: 9788893771177
Collana: 
Convegni
Numero Collana: 
47
Collezione: 
Studi umanistici
formato: 
16x23
pagine: 
416
lingua: 
italiano
inglese
tipologia: 
monografia
formato elettronico: 
Prezzo: €30,00

«Ho sempre amato e studiato gli scrittori che, in ogni epoca, hanno raccontato storie del proprio tempo. Così ho tentato di fare anch’io nei miei romanzi. M’interessano le situazioni estreme, la gente nei lager in Deviazione, i sovversivi in rotta con la società in Nucleo Zero, alcuni ospiti extraterrestri clandestini in Partiranno, i vecchi parcheggiati nelle case di riposo in Ultima luna, i ragazzi che si difendono aspirando alla chiusura mentale e affettiva in Si prega di non disturbare. In Una strana fortuna, una donna lotta contro la propria pazzia con animo vittorioso, fino a sentirsi normale ed essere così sconfitta. Dunque mi calamita la diversità, quello che non è riconducibile a comportamenti accettati da tutti, ‘conformi’. Questa è la spinta di fondo delle storie che racconto». (Luce d’Eramo, Io sono un’aliena, Roma, Edizioni Lavoro, 1999, p. 27).

Pseudonimo di Lucette Mangione, Luce d’Eramo (1925-2001) nasce in Francia da genitori italiani e vive a Roma dall’età di 13 anni, con frequenti soggiorni all’estero. Narratrice e saggista (famoso il suo libro su Silone del 1971), scrive i suoi romanzi tra il 1979 e il 2001. L’autobiografico Deviazione, best seller del 1979, sul proprio vissuto negli anni ’44-’45 in Germania e sul conflitto tra scrittura e memoria, conosce una recente rinascita nei paesi di lingua inglese, spagnola, tedesca e francese.