Il nuovo mondo rivoluzionario

Per una storia delle società politiche in Italia durante il Triennio (1796-1799)
SKU: 9788893771450
AnnoPubblicazione: 
2020
Collana: 
Materiali e documenti
Numero Collana: 
56
formato: 
16x23
pagine: 
278
lingua: 
italiano
tipologia: 
monografia
Price: €30,00

ESAURITO

Per lungo tempo, il cosiddetto Triennio democratico in Italia (1796-1799) è stato letto alla luce della categoria di «rivoluzione passiva». Solamente l’arrivo in Italia dell’Armée d’Italie del generale Bonaparte aveva infranto l’ordine di antico regime e imposto governi repubblicani. Sulla scorta di una nuova lettura della documentazione di archivio, il saggio intende porre in evidenza l’attivismo dei patrioti italiani per conquistare uno spazio politico originale e guadagnare un consenso diffuso. L’associazionismo politico diviene in tal modo una chiave privilegiata per comprendere le forme e i modi dell’azione politica del movimento democratico in vista dell’unità nazionale. La Società popolare di Milano, le Società di pubblica istruzione che costellarono la Repubblica Cisalpina e l’area veneta (1796-1797) furono uno strumento eccezionale di educazione civica e di apprendistato politico per una popolazione tradizionalmente tenuta fuori dalla discussione politica. Le Società promuovevano una «istruzione rivoluzionaria», esortavano uomini e donne a partecipare al processo decisionale e proprio per questo furono represse dai francesi e dal governo cisalpino. Solo successivamente, venne autorizzata l’apertura di Circoli costituzionali e già nel nome scelto potevano leggersi i limiti dell’azione concessa ai democratici italiani.

Disponibile su

© Sapienza Università Editrice - Piazzale Aldo Moro 5, 00185 Roma - CF 80209930587 PI 02133771002 - editrice.sapienza@uniroma1.it